Seguimi su Facebook Seguimi su Instagram Seguimi su Pinterest Seguimi su Youtube Seguimi su Twitter Scrivimi una email
Handmade Jewelry - Gioielli fatti a mano

22/05/17

Minerali e pietre al Natural History Museum di Londra

Natural History Museum (Londra, dicembre 2016)
Nel dicembre del 2016 sono ritornata a Londra, dopo moltissimo tempo dalla mia prima volta. Ho avuto la possibilità di vedere altri musei e di fare anche una piccola gita a Greenwich. Questo post, però, non sarà il resoconto di tutto il viaggio ma solo di un museo o, più precisamente, solo di una galleria del museo.
Parlo del Natural History Museum, cioè del Museo di Storia Naturale di Londra, e di quella meraviglia di sala che è la Minerals Gallery collegata alla piccola, ma preziosa, The Vault Gallery.

Natural History Museum (Londra, dicembre 2016)


Tutte le foto che trovate in questo articolo sono fatte da me (ad eccezione di una). Purtroppo la qualità delle foto dei minerali non è eccelsa, ciò è dovuto all'illuminazione del museo e al fatto che i minerali si trovano in teche di vetro e quindi è difficile evitare i riflessi. Ad ogni modo, cliccate l'anteprima della foto per vedere le reali dimensioni.
Non è stato facile arrivare in forze fino alle due sale sopracitate perché il museo è a dir poco enorme, c'è così tanto da vedere e davvero, non ci sono parole per descrivere la bellezza di tutte le sale. Quando sono andata io c'erano almeno 4-5 classi di scolaresche (scuola elementare) che si esaltavano per i dinosauri e mammiferi, io mi sono esaltata con i minerali per ovvi motivi!
Il bello del museo è anche la presenza di molte sale interattive, ecco perché i bambini si divertono parecchio... ma lo fanno anche i grandi, vi assicuro.




Il Natural History Museum si divide in quattro grandi aree colorate: rosso, verde, blu e arancione. E' dall'area verde che possiamo accedere alla sala dei minerali e alla The Vault gallery.

(foto di proprietà del Natural History Museum)
La Mineral Gallery (sala dei minerali), in un certo senso, vi catapulta nei secoli passati perché le vetrine in rovere sono proprio quelle originali. Ai lati della sala, invece, troviamo delle vetrine moderne, abbastanza alte, dove vengono esposti i pezzi molto grandi dei minerali, cioè geoidi e druse. A mio avviso, però, i minerali più belli e le gemme sono quelli delle teche.
Ecco una piccola carrellata di foto rispetto alla miriade di minerali che si trovano nella galleria del museo.

Malachite e Occhio di tigre
Qui a destra uno splendido esempio di malachite. La malachite è tra le mie pietre preferite e non vi nego che avrei voluto portarmi a casa questo geoide per godermelo ogni mattina!
Accanto, invece, l'occhio di tigre. Lo stupore è vedere le dimensioni perché siamo abituati alle classiche perle tonde da gioiello. Belli, veramente belli!


Occhio di falco, Avventurina, Quarzo rosa, Ametista
Altri minerali visti sono l'occhio di falco in formato grezzo, mentre già tagliate ho fotografato l'avventurina, il quarzo rosa (che più rosa non si può) e un'incantevole ametista con taglio esagonale. L'ametista è probabilmente la mia pietra preferita in assoluto. Sono rimasta imbambolata per qualche minuto a contemplarla.


Labradorite
Catturare i riflessi della labradorite è già difficile dal vivo, figuriamoci farlo se la pietra è in una teca... io, comunque, ho provato la stesso a fare le foto perché i riflessi di queste due labradoriti sono fantastiche, quasi magiche! I riflessi della seconda, quella sul rosso-viola non li avevo mai visti!




Altre meraviglie che ho visto sono state alcune varietà di corindone, tormalina e zircone, una più bella dell'altra. Davvero un incanto! Stavo lì a pensare a come avrei potuto montare quella tormalina o che creazione avrei potuto fare con il corindone e così via.

 Coridone, Tormalina e Zircone

Qui invece due opali (silice idrata) molto belli. L'opale è un minerale minore perché amorfo, cioè non cristallizzato. L'altro opale è il fire opal (a destra). Al centro, invece, c'è il diamante Herkimer che, in realtà, non è un diamante ma un quarzo cristallo molto limpido.
Opali, Herkimer quarzo cristallo, Fire opal

Pepite d'oro (riproduzioni)
Infine, non poteva mancare l'oro! Non si tratta di vere pepite d'oro, ovviamente, ma sono delle riproduzioni in ottone o altri materiali che, comunque, andavano fotografate!



Varietà di opali
Alla fine della galleria sui minerali, si va alla The Vault Gallery, ovvero la "cassaforte". In questa sala, vi sono delle autentiche meraviglie. Si tratta di una galleria dove sono custodite dei preziosi di alto valore come diamanti colorati, pepite d'oro, gioielli, un pezzo del più grande meteorite marziano e così via. La sala non è molto grande ma il contenuto merita assolutamente. Sfortunatamente, quando ho visitato il museo, non tutto era in esposizione ma non mi sono fatta sfuggire l'angolo degli opali, un sogno per gli occhi e non solo.

Se vi capita di andare a Londra, mezza giornata dedicatela a questo museo perché sicuramente non ve ne pentirete.

Nessun commento:

Posta un commento